Al Centro Congressi Tiempo al Centro Direzionale di Napoli, si è terrà giovedì 8 marzo il seminario formativo, promosso dall’associazione datoriale Co.N.A.P.I., "Dal Sistema di Gestione Aziendale all'OT24".

Ad aprire i lavori del Seminario saranno il Presidente Basilio Minichiello ed il Vice Presidente Giuseppe Fontanarosa, che dopo un breve saluto, daranno la parola ai relatori Ing. Natalino Priscoglio ed Dott.ssa Rosa Pestilli.
Durante il Seminario i due relatori presenteranno un percorso metodologico capace di condurre l’Azienda a certificare la propria sicurezza con maggiori strumenti e capacità di riduzione del rischio per i lavoratori.

Il merito della crescente cultura sulla prevenzione spetta di diritto al Decreto Legislativo 81/08 e s.m.i. nel quale, per la prima volta in modo esplicito viene definito che l’adozione e l’attuazione di un modello di gestione e di organizzazione aziendale contribuiscano da un lato a prevenire i rischi per la sicurezza e per la salute dei lavoratori e dall’altro al miglioramento delle performance aziendali. Come dire, un giusto equilibro, dove da una parte si considera e quindi si premia il lavoratore (art. 32 della Costituzione) e dall’altra, come è giusto che sia, si considera anche il Datore di Lavoro – Manager il quale trae i giusti profitti dalla sua azienda (art. 41 della Costituzione) e chi ne beneficia di tutto ciò, il cliente esterno, vera ragione di sopravvivenza comune.

Grazie allo strumento dell'OT24, le aziende che hanno investito in interventi migliorativi nell’ambito della sicurezza sul lavoro possono usufruire di una riduzione del tasso medio di tariffa INAIL. 

“Dal Sistema di Gestione aziendale all'OT24”
La redazione di un sistema o di un modello basato sulle SGSL rappresenta un investimento per l’impresa e si attua sulle responsabilità delle diverse figure aziendali. 
Adottare un sistema di gestione della sicurezza sul lavoro diventa, dunque, un modo efficace per ottenere il punteggio massimo in un colpo solo, beneficiando della riduzione del premio INAIL. Ecco quali sono tutti i vantaggi nell'implementare un SGSL.

Perché implementare un SGSL
Per avere lo sconto sul premio INAIL, tramite la compilazione del modello OT24, le aziende che non hanno un SGSL possono adottare due o più misure di intervento per raggiungere i fatidici 100 punti.
Tuttavia, per richiedere il beneficio potrebbero incorrere ogni anno in alcune difficoltà. Tali misure, infatti, possono:
 - essere difficili da individuare e rendicontare tramite l’invio della documentazione probante; 
 - essere onerose da riproporre ogni anno; 
 - veder ridotto il proprio punteggio rispetto all’anno precedente; 
 - rischiare che l’INAIL le elimini del tutto.

SGSL e OT24: i vantaggi
Quali sono i vantaggi nell’adottare un sistema di gestione sicurezza?
Oltre al fatto che l’implementazione di un SGSL permetta di ottenere 100 punti in un colpo solo, vi sono altri aspetti importanti da sottolineare.
Le linee guida UNI-INAIL MP riguardano l’implementazione di sistemi di gestione per la salute e la sicurezza sul lavoro nelle micro e piccole imprese: hanno validità generale, perciò la loro applicazione va modulata sulle caratteristiche complessive dell’azienda che vuole adottarle.
È bene ricordare che l’adozione non è obbligatoria (dev’essere una scelta volontaria da parte dell'impresa). Si tratta di un sistema non certificato, quindi meno costoso e invasivo rispetto a quelli certificati: di conseguenza si evitano le spese del certificatore esterno, e tutte le risorse economiche sono orientate all'implementazione del sistema.
Con un SGSL migliora anche la gestione delle procedure interne della sicurezza, organizzate secondo una logica "di sistema". In questo modo vengono individuati soggetti e mansioni in relazione agli aspetti veramente importanti nella sicurezza sul lavoro:
 - valutazione dei rischi; 
 - utilizzo dei DPI;
 - formazione dei lavoratori; 
 - visite mediche; 
 - manutenzione delle attrezzature e degli impianti tecnologici; 
 - monitoraggio continuo di tutti questi aspetti (al fine di migliorare le prestazioni del sistema attraverso audit e riesame annuale).
Inoltre, tramite il MOG (Modello Organizzativo Gestionale, di cui l'SGSL è parte integrante), l’azienda può evitare di incappare nelle sanzioni penali e amministrative, previste dalla legge 231/2001, per reati colposi da infortuni gravi, gravissimi e mortali.
Non solo. L’azienda può inviare ogni anno, al portale INAIL OT24, sempre e solo alcuni documenti probanti, quali:
 - politica; 
 - organigramma; 
 - audit dell'anno; 
 - riesame dell'anno.


Seppur con fatica iniziamo a poter misurare i progressi prevenzionali non solo attraverso gli usuali indici di frequenza e di gravità degli infortuni ma anche attraverso indicatori proattivi con i quali determinare l’impegno delle organizzazioni nel tempo. Si sta pian piano transitando dalla fase di implementazione tecnologica a quella, seppur più difficile e complessa, di organizzazione e gestione, da raggiungersi attraverso scelte e decisioni di politica aziendale compiute dal management e sostenute attraverso la partecipazione e la condivisione con i lavoratori, la cui consapevolezza e le cui capacità e competenze vengono progressivamente implementate attraverso una continua, efficace ed appropriata attività di formazione / addestramento.
 
Il merito della crescente cultura prevenzionale spetta di diritto al Decreto Legislativo 81/08 e s.m.i. nel quale, per la prima volta in modo esplicito viene definito che l’adozione e l’attuazione di un modello di gestione e di organizzazione aziendale contribuiscono da un lato a prevenire i rischi per la sicurezza e per la salute dei lavoratori e dall’altro al miglioramento delle performance aziendali. Come dire, un giusto equilibro, dove da una parte si considera e quindi si premia il lavoratore (art. 32 della Costituzione) e dall’altra, come è giusto che sia, si considera anche il Datore di Lavoro – Manager il quale trae i giusti profitti dalla sua azienda (art. 41 della Costituzione) e chi ne beneficia di tutto ciò, il cliente esterno, vera ragione di sopravvivenza comune.